martedì 4 luglio 2017

# COTTE E MANGIATE #

OLTRE  IL  BUIO


Oltre il buio,
oltre la fitta siepe
posso trovare un precipizio
oppure l'inizio della pista di decollo
del mio ultimo volo,
il più atteso e desiderato.
Pertanto o mi sfracello
nel vuoto misterioso
di un salto mortale
oppure accedo all'infinito
dei miei primi sogni
giovanili, che poi sono i più belli,
i più genuini.
Io non ho un attimo di dubbio,
non ci rifletto affatto,
nessuno mi frenerà 
in questa mia
voluttuosa ricerca di verità.
Salto con gli occhi bene aperti
un salto immenso, vigoroso,
e già sento i rami della siepe
sfiorarmi i piedi.


Scritta il 21 maggio 2017 come commento ad un post bei Myrtilla's house e da me titolata
Poesia schioppettata secca n° 4

10 commenti:

  1. Risposte
    1. Sì, non mi dispiace come mi è schizzata fuori.

      Elimina
  2. Andare oltre il buio con coraggio, quasi sfrontatezza perché la paura che ci attanaglia è peggio del buio, è un nostro limite che tu superi nella poesia con grande cuore e con un profondo ed affamato desiderio di vedere oltre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'Annunzio coniò il "memento audere sempre" che poi divenne il marchio e il simbolo della Decima MAS di Valerio Borghese, che forse era un poeta, ma che lasciò che le sue truppe specializzatissime si macchiassero di troppi delitti. Anche se in quell'infausto tempo se ne macchiarono un po' tutti.
      Io mi giovo della mia inesauribile curiosità. A volte me ne servo per superare anche la paura, perché la paura esiste e non la si deve negare.
      Grazie per le tue calde parole.

      Elimina
  3. Dormi, vola, riposa. Muore anche il mare!
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non direi che muore il mare, anche se la frase è bella e tragica. Io direi che si assopisce, salvo poi risvegliarsi in modo furibondo.
      VIN

      Elimina
  4. Andare oltre, guardare sempre avanti. Così si vive, non stando seduti ad attendere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si siede alla guida di un auto veloce per dominarla meglio ed avvertire l massimo la sua tenuta di strada in curva.
      Ci si siede sul cesso -e qualcuno ci si fa sonore dormite- per espellere qualcosa.
      Tutto il resto si può fare stando in piedi e camminando, fa pure buon sangue, Pat.

      Elimina
  5. Si sente proprio lo slancio di questo bel salto con il coraggio di affrontarlo anche se fosse l'ultimo, e riacciuffare i sogni giovanili così fieri, forti e genuini! Volo in cerca di verità, che forse ce l'abbiamo tutti dentro...e allora il viaggio non diventa certo meno avventuroso, anzi, rischi, scoperte e verità, la nostra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, Gabriella, è proprio quello che intendevo.
      Salti nel buio ne facciamo spesso, io ne ho fatti anche troppi, ma adesso vorrei veramente osare per scoprire le ultime cose che ancora non conosco di me e della mia vita.

      Elimina